Women in Libyan jails seek right to suicide to end unbearable humiliation - activist

Stampa

In lingua inglese. Qui sotto la traduzione

LE DONNE NELLE CARCERI LIBICHE CHIEDONO IL DIRITTO AL SUICIDIO PER PORRE FINE ALLE INSOPPORTABILI UMILIAZIONI (da un'attivista)

Le donne prigioniere della Libia hanno fatto appello ai leader spirituali del paese per permettere loro di commettere suicidio contro gli infiniti abusi e umiliazioni che rendono loro la vita insopportabile. L’attivista libica e militante dei Diritti Wafa Mabda ha dichiarato in un'intervista esclusiva a la ‘Voce della Russia’ circa il brutale maltrattamento delle donne nella Libia post-Gheddafi.

D: Come vengono trattati i prigionieri di sesso femminile in Libia?

Le donne subiscono orribili torture nelle carceri libiche. Sono bruciate, soggette a scosse elettriche e poste in celle di isolamento per settimane o per mesi e mesi. Le donne si sono a lungo lamentate con noi di questo. Abbiamo ricevuto lettere che rivelano episodi assolutamente spaventosi. Le guardie del carcere vendono le detenute di sesso femminile, lasciando che gli uomini stuprino la donna che scelgono dietro pagamento di una certa somma di denaro. Le vittime di stupro dicono che sono arrivate anche persone importanti dal Qatar e la prigione è stata trasformata in un bordello.

Un altro episodio riguarda francesi ubriachi. Le guardie del carcere li hanno portati nelle celle e hanno permesso loro di stuprare alcune detenute. Immaginate cosa hanno inflitto loro.

Una donna ha testimoniato di come 26 "sporche bestie" hanno violentato la sua compagna di cella, uno per uno. Ha perso conoscienza, ma questo non li ha fermati. Il giorno dopo è morta.

D: Quali sono queste prigioni ?

Tali atrocità vengono commesse nelle carceri di Ain Zara, Gargur e Maitiga. Ci è stato riferito che sono sette le ragazze detenute in Gargur.

D: Chi controlla queste carceri - le autorità?

Alcune carceri sono controllate dalle autorità, altre da gruppi armati.

D: Che cosa fa la società civile per monitorare la situazione nelle carceri?

Gli attivisti libici hanno ripetutamente chiesto il permesso di monitorare il destino di ogni singola detenuta, ma senza successo finora. Non c'è rispetto per i Diritti Umani qui. Quando le persone hanno picchettato il carcere di Gargur le guardie hanno cominciato a sparare contro di loro.

D: Che cosa ti chiedono le donne nelle loro lettere?

Vogliono morire per sfuggire a ulteriori umiliazioni. Chiedono ai leader spirituali di emettere una fatwa che permetta loro di suicidarsi.

leggi tutto

Fai conoscere Korallion

Scarica il banner di Korallion e pubblicalo sul tuo sito, blog, pagina; presentalo ai tuoi amici e visitatori; LA TUA VISIBILITA' CRESCE INSIEME ALLA SUA.

Chi è in linea?

Abbiamo 8018 visitatori e nessun utente online