Salute Malattia e Disabilità

Per le cure a casa c’è il rischio di pagare il ticket (Maria Giovanna Faiella)

Stampa

L’assistenza domiciliare integrata, Adi, rientra nei Livelli essenziali di assistenza: è una prestazione che il Servizio sanitario nazionale deve garantire su tutto il territorio alle persone non autosufficienti e in condizioni di fragilità. Ma, di fatto, non è così. Le cure domiciliari, gestite dal Distretto sociosanitario delle Asl in collaborazione coi Comuni, devono o meglio dovrebbero integrarsi con le prestazioni di assistenza sociale e di supporto alla famiglia, generalmente erogate dai Comuni. C’è, però, una linea “di confine” molto sottile tra “prestazione sanitaria”, “prestazione socio-sanitaria” e “assistenza alla persona”

leggi tutto

La riforma delle professioni sanitarie: la responsabilità del medico

Stampa

Il decreto legge 158/2012 sulla riforma delle professioni sanitarie è stato convertito in legge, con alcune modificazioni, lo scorso 8 novembre 2012. La legge 189/2012 recante "disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante il più alto livello di tutela della salute" (meglio noto come legge sulla tutela della salute) introduce nel nostro ordinamento alcune importanti novità in merito alla responsabilità civile e penale del medico. L'art. 3 della predetta legge, in particolare, modifica gli aspetti principali della responsabilità da "medical malpractice" (malasanità: carenza di prestazione di servizi sanitari professionali idonei a danneggiare il beneficiario del trattamento) incidendo prevalentemente sul concetto di rischio clinico ed influendo in modo decisivo sull'entità degli oneri da impiegarsi ai fini assicurativi

leggi tutto

COLPA MEDICA e legge n. 189/2012: riflessioni a prima lettura

Stampa

L'11 novembre 2012 è entrata in vigore l'ennesima disposizione di legge che farà discutere e creerà diseguaglianze tra situazioni sovrapponibili:la legge 8 novembre 2012, n. 189 che ha convertito il Decreto Legge Balduzzi, n.158/2012. La cosiddetta "colpa lieve" dell'esercente una professione sanitaria ne risulta, in certo qual senso, depenalizzata. Infatti, il dato testuale dell'art. 3, 1° co., il sanitario che "nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve".

leggi tutto

Fai conoscere Korallion

Scarica il banner di Korallion e pubblicalo sul tuo sito, blog, pagina; presentalo ai tuoi amici e visitatori; LA TUA VISIBILITA' CRESCE INSIEME ALLA SUA.

Chi è in linea?

Abbiamo 5481 visitatori e nessun utente online