#Salvailclima: subito ratifica dell’accordo di Parigi

Stampa

l governo presenti subito il ddl di ratifica in Parlamento!

Il cambiamento climatico in atto, secondo la comunità scientifica internazionale e l'ONU, può mettere a rischio la sopravvivenza della specie umana sul pianeta se non interverrà una decisa e veloce riconversione ecologica di economia e società, attraverso profonde trasformazioni e un netto taglio delle emissioni di CO2.  

L'accordo sul clima negoziato a Parigi nel dicembre 2015, seppure ancora non sufficientemente coraggioso e imperativo, è un passo in avanti e impegna gli Stati a limitare l'aumento della temperatura entro 1,5 gradi, attraverso misure che i singoli Stati dovranno "preparare, comunicare e mantenere" con revisioni periodiche per puntare ad obiettivi sempre più ambiziosi. Per investire su energie rinnovabili, efficienza energetica e nuovi modelli di trasporto, edilizia, produzione industriale e agricola a zero emissioni. per uscire dalla dipendenza dai combustibili fossili.

La UE ha definito un nuovo Pacchetto Clima Energia al 2030 che, seppure meno coraggioso del famoso 20/20/20 che segnò un'innovazione vera, impone comunque per il 2030 una riduzione delle emissioni che per l'Italia arriva al 40% (rispetto alle emissioni del 1990). Ma per entrare in vigore l'Accordo di Parigi deve essere ratificato da almeno 55 Paesi che rappresentino almeno il 55% delle emissioni globali di gas serra.

Durante la cerimonia della firma all'ONU il 22 aprile scorso, alla presenza di 165 Capi di Stato e di governo, il presidente del consiglio Renzi fu tra i primi a firmare e a dichiarare che l'Italia sarebbe stata tra i primi a ratificare l'Accordo. Al recente G20 USA e Cina, responsabili insieme del 38% delle emissioni di gas serra del mondo, hanno accelerato la loro ratifica. E ormai sono numerosi i Paesi che hanno già ratificato. 

In Italia il governo non ha ancora nemmeno trasmesso al Parlamento il Disegno di Legge di ratifica che va proposto dal ministero degli Esteri di concerto con il ministero dell'Ambiente e altri dicasteri.

Risulta che la fase di concertazione e consultazione è in corso ma se non si accelera la presentazione alle Camere, peraltro già sollecitata da interrogazioni parlamentari, non si avrà la ratifica nemmeno in tempo per la Cop 22, la conferenza Onu sul clima che si aprirà a Marrakesh, in Marocco il 7 novembre prossimo.

Si chiede al ministro degli Affari Esteri Paolo Gentiloni, al ministro dell'Ambiente, Tutela del territorio e del mare Gianluca Galletti e al governo tutto, di presentare alle camere il ddl di ratifica dell'accordo di Parigi sul clima al più presto, per ottenerne la ratifica entro l'apertura, il 7 novembre, della Conferenza Onu di Marrakesh.

Questa petizione è stata notificata a:
  • Ministro degli Esteri
    Paolo Gentiloni
  • Ministro dell'ambiente
    Gian Luca Galletti
  • Presidente del Consiglio dei Ministri
    Matteo Renzi

Leggi tutto

Fai conoscere Korallion

Scarica il banner di Korallion e pubblicalo sul tuo sito, blog, pagina; presentalo ai tuoi amici e visitatori; LA TUA VISIBILITA' CRESCE INSIEME ALLA SUA.

Chi è in linea?

Abbiamo 5542 visitatori e nessun utente online