Stampa
Visite: 1001

 

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI


COMUNICATO

Limitazione delle funzioni consolari del titolare dell'Agenzia consolare onoraria in Bristol (Gran Bretagna) (12A00179)

IL DIRETTORE GENERALE per le risorse e l'innovazione (Omissis). Decreta: la signora Maria Ursi, Agente consolare onorario in Bristol (Gran Bretagna), oltre all'adempimento dei generali doveri di difesa degli interessi nazionali e di protezione dei cittadini, esercita le funzioni consolari limitatamente a: a) ricezione e trasmissione materiale al Consolato Centrale d'Italia in Londra degli atti di stati civile pervenuti dalle autorita' locali, dai cittadini italiani o dai comandanti di navi o aeromobili nazionali o stranieri; b) ricezione e trasmissione materie al Consolato Centrale d'Italia in Londra delle dichiarazioni concernenti lo stato civile da parte dei comandanti di navi e di aeromobili; c) ricezione e trasmissione materiale al Consolato Generale d'Italia in Londra dei testamenti formati a bordo di navi e di aeromobili; d) ricezione e trasmissione materiale al Consolato Generale in Londra degli atti dipendenti dall'apertura di successione in Italia; e) emanazione di atti conservativi, che non implichino la disposizione dei beni, in materia di successione, naufragio o sinistro aereo, l'obbligo di informare tempestivamente il Consolato Generale d'Italia in Londra; f) rilascio di certificazioni (esclusi i certificati di cittadinanza e di residenza all'estero), vidimazioni e legalizzazioni; g) autentiche di firme su atti amministrativi nei casi previsti dalla legge; h) autentiche di firme apposte in calce a scritture private; i) ricezione e trasmissione materiale al Consolato Generale d'Italia in Londra della documentazione relativa al rilascio di passaporti dei cittadini che siano residenti nella circoscrizione territoriale dell'Agenzia consolare onoraria in Bristol; j) ricezione e trasmissione al Consolato Generale d'Italia in Londra della documentazione relativa alle richieste di rilascio del documento di viaggio provvisorio - ETD - presentate da cittadini italiani e da cittadini degli Stati membri dell'UE, dopo aver acquisito la denuncia di furto o smarrimento del passaporto o di altro documento di viaggio e dopo aver effettato gli idonei controllo, previsti ai sensi dell'art. 71 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 455, sulla veridicita' delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47 del citato decreto del Presidente della Repubblica; consegna degli ETD, emessi dal Consolato Generale d'Italia in Londra, validi per un solo viaggio verso lo Stato membro di cui il richiedente e' cittadino, verso il Paese di residenza permanente o, eccezionalmente, verso un'altra destinazione; k) ricezione e trasmissione al Consolato Generale d'Italia in Londra della documentazione relativa al rilascio di visti; l) ricezione e trasmissione al Consolato Generale d'Italia in Londra delle domande di iscrizione nelle liste anagrafiche ed elettorali in Italia presentate da cittadini che siano residenti nella circoscrizione territoriale dell'Agenzia consolare onoraria in Bristol; m) ricezione al Consolato Generale d'Italia in Londra, competente per ogni decisione in merito, degli atti in materia pensionistica; n) assistenza ai connazionali bisognosi o in temporanea difficolta' ai fini della concessione di sussidi o prestiti con promessa di restituzione all'erario, dopo aver interpellato, caso per caso, il Consolato Generale d'Italia in Londra; o) effettuazione delle operazioni richieste dalla legislazione vigente in dipendenza dell'arrivo e della partenza di una nave nazionale; p) tenuta dello schedario dei cittadini e di quello delle firme delle autorita' locali; q) ricezione dal Consolato Generale d'Italia in Londra delle carte d'identita' rilasciate a cittadini che siano residenti nella circoscrizione dell'Ufficio consolare onorario, diretta consegna ai titolari del documento d'identita' e restituzione materiale al Consolato Generale d'Italia in Londra dei cartellini da questi ultimi sottoscritti. Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 20 dicembre 2011 Il direttore geneale: Verderame